Studio De Luca - Implantologia e Chirurgia avanzata


Vai ai contenuti

Sbiancamento

Estetica

Quali metodi di sbiancamento dei denti esistono?

I metodi di sbiancamento dei denti oggi disponibili si dividono in:

  • Sbiancamento esterno (External Bleaching) di denti vitali
  • Sbiancamento interno (Internal Bleaching) di denti devitalizzati


I denti vitali (polpa viva) possono essere resi più chiari con uno sbiancamento esterno (External Bleaching) e con due metodi diversi:

  • Sbiancamento veloce nello Studio odontoiatrico
  • Homebleaching, che il paziente può fare da sé a casa. Con l'homebleaching il paziente porta, di notte e per più settimane, una mascherina trasparente riempita di gel sbiancante, preparata in precedenza sulla base di un'impronta.


Il metodo Turbo Boost

Poiché l'Homebleaching dura parecchie settimane e viene considerato da molti pazienti come fastidioso, anche a causa di ricorrenti problemi di denti ipersensibili e gengive irritate, e, per di più, non dà sempre i risultati sperati, nel nostro Studio viene preferito il sistema Turbo Boost, molto efficace ma non aggressivo sui denti, che dà risultati eccellenti e permanenti con solo 30 minuti di trattamento

Lo sbiancamento danneggia i denti?

Studi scientifici sono concordi nell'affermare che uno sbiancamento effettuato sotto controllo del dentista non provoca danni permanenti né una perdita di sostanza dei denti o delle gengive. Talvolta può temporaneamente aumentare la sensibilità dei colletti dentari, innanzitutto nei pazienti parodontopatici che presentano una retrazione gengivale con radici parzialmente scoperte.

Quanto dura lo sbiancamento dei denti?

Normalmente l'effetto sbiancante dura dai 3 ai 5 anni. Successivamente lo sbiancamento può essere ripetuto senza problemi.

Denti con polpa non vitale e denti che hanno subito un trattamento radicolare (cura canalare) hanno la tendenza di scolorirsi, e dopo un po' di tempo diventano scuri (marroni) a causa della degradazione della polpa, influendo negativamente sull'estetica. In questo caso può essere d'aiuto lo sbiancamento interno, che si effettua aprendo il dente devitalizzato (da dietro, quindi non visibile) e applicando un'agente sbiancante speciale. Successivamente l'apertura viene chiusa con un'otturazione provvisoria. Questo procedimento impiega circa 10 minuti e viene ripetuto più volte a distanza di 3-5 giorni, fino a che si ottiene il grado di sbiancamento desiderato.
L'effetto sbiancante è duraturo e rende spesso superfluo l'incapsulamento del dente.


Menu di sezione:


Torna ai contenuti | Torna al menu