Studio De Luca - Implantologia e Chirurgia avanzata


Vai ai contenuti

Domande frequenti es. Esiste il "rigetto"?

Implantologia

Voglio la dentiera è più economica

Assolutamente no!
Tralasciando gli infiniti vantaggi quotidiani e in termini di SALUTE vi propongo un'analisi strettamente economica della scelta di chi non opta per una riabiltazione con impianti Al giorno d'oggi una protesi fatta bene costa sui 2000 euro e dura dai 5 ai 7 anni, ammesso che non cada, si rompa, cada qualche dente su cui s'appoggia (in caso di scheletrati) e soprattutto ammesso che l'osso delle mascelle non si retragga troppo velocemente! (e quindi una nuova dentiera prima del tempo previsto)
Facciamo due conti : un uomo di 50 anni sceglie una protesi totale superiore : 1500 euro ogni 5 anni (ipotesi economica)
Dopo 20 anni avrà speso 6000 euro imprevisti esclusi e non considerando l'inflazione (tra 10 anni le dentiere costreranno sicuramente di più) e soprattutto escludendo le varie colle per dentiera (una decina di euro al mese cioè 120 euro all'anno e dopo 20 anni sono 2400 euro, inflazione esclusa)
In ultima analisi si spenderanno almeno 9000 euro!!!
Oggi con questi soldi il nosto paziente 50enne avrebbe messo tutti i denti fissi con i migliori impianti e le migliori capsule.

Come se non bastasse...Avete idea di cosa vuol dire portare una protesi mobile totale??
Molti pazienti arrivano allo studio esasperati dall'estrema non fisiologicità della protesi.
"E' innaturale, scomoda, irritante, plasticosa" riferiscono, o ancora "Ho preso un esaurimento nervoso con questa cosa in bocca!!"

Il trattamento è doloroso?
Come per qualsiasi altro intervento chirurgico, potrebbe derivarne qualche disagio. Nel momento dell'intervento, il paziente viene anestetizzato o sedato per eliminare ogni possibilità di disagio. La maggior parte dei pazienti riferisce di sentirsi molto più a proprio agio nel seguire la procedura di quanto previsto. Il vostro dottore vi prescriverà tutti i farmaci necessari a ridurre gli eventuali disagi. Chiedete al vostro dentista di raccomandarvi un altro paziente che abbia subito lo stesso trattamento per valutare la sua esperienza.
Come mi sentirò dopo il trattamento?
È normale riportare piccoli lividi e gonfiori nelle gengive e nei tessuti molli. Questi disturbi vengono, generalmente, trattati con un normale analgesico. Potrete tornare al lavoro il giorno successivo.

Mi hanno detto che c'è il "rigetto", ho paura

Non c'è nulla più sbagliato ! Non esiste il "rigetto"!!! Per rigetto si intende una risposta immunitaria dell'organismo verso un organo di un altro individuo con conseguente distruzione dell organo. Si parla di rigetto a proposito dei trapianti es. cuore rene ecc ecc e si interveiene somministrando potenti farmaci che sopprimo il sistema immunitario (immunosoppressori)
L'impianto è un materiale inerte che non viene affatto riconosciuto dal corpo come estraneo, anzi!
L'impianto dentale attecchisce rapidamente nell'osso del paziente esattamente come avviene con le protesi d'anca o con quelle al braccio. Il materiale è lo stesso, anzi quello per gli impianti dentali è decine di volte superiore proprio perchè sono molto piccoli e devono resistere a forzi proporzionalemente molto grandi.
L'impianto può attecchire nell'osso (osteointregrazione) o non attecchire (non osteointegrazione). Talvolta si arriva ad una situazione intermedia (che comunque porta alla perdita momentanea dell'impianto) in cui c'è la fibrointegrazione (all'impianto non si attacca osso bensì del materiale fibroso simile alla gengiva)
Cosa si fa nel caso in cui l'impianto non attecchisce bene?
Si rimuove e se ne riposizione un'altro.
Una volta è capitato di mettere 10 impianti in una bocca e perderne uno dopo una settimana. Nulla è successo, infatti l'impianto è stato riposizionato contestualmente alla sua "caduta" e ora la nosta paziente ha tutti i denti fissi esattamente come da progetto.

Ma quanto potrà durare un impianto nella mia bocca ?
Viste le premesse la probabilità che un impianto dentale duri tutta la vita non è poi così lontana dalla realtà.
Questa metodica restituisce ad un paziente non solo tutti i denti andati perduti ma anche la capacità di masticare normalmente, il sorriso e perché no…la voglia di vivere pienamente la vita di tutti i giorni.

L'età avanzata rappresenta un problema?
Talvolta, i pazienti anziani si chiedono se l'età possa impedire loro di godere dei benefici degli impianti dentali. Tuttavia, è la salute il fattore più determinante rispetto all'età. Se vi trovate in condizioni tali da poter subire l'estrazione di un dente, probabilmente siete anche nelle condizioni di poter ricevere impianti dentali. Alcune malattie croniche possono rappresentare una controindicazione per il trattamento di impianti. Dopo un attento esame della vostra anamnesi, il vostro dentista valuterà se siete un candidato idoneo per gli impianti dentali.

Quali sono i vantaggi degli impianti dentali rispetto a protesi o ponti?
Aspetto migliorato - Quando si perde l'intero dente – corona e radice – la riduzione dell'osso mascellare può causare un invecchiamento del viso. Gli impianti dentali possono interrompere questo processo, diversamente dalle protesi o dai ponti tradizionali.
Denti naturali conservati - Con le procedure tradizionali per corone e ponti, due denti adiacenti a un dente mancante devono essere smerigliati per il corretto posizionamento del ponte. Gli impianti dentali spesso eliminano la necessità di modificare i denti sani.
Soluzione permanente - Non ci sono parti mobili di cui preoccuparsi. L'impianto è stabile e comodo. Dopo l'installazione, non è necessaria alcuna regolazione. Generalmente, espleterà le proprie funzioni per tutta la vita.
I cibi riacquistano sapore - La protesi tradizionale rende infatti tutti i cibi plasticosi e privi di aromi: le numerose papille gustative sul palato non vengono stimolate. In alcuni casi le protesi possono danneggiare il nervo linguale, che porata al cervello la sensibilità gustativa
Alto rapporto costo\benefici - Il costo iniziale degli impianti viene ampiamente ripagato da una migliore e tangibile qualità di vita!
Tutti infatti riferiscono una migliore digestione (molte persone infatti lamentano gastriti e problemi di peso per una masticazione innaturale) e una ritrovata autostima.

Quanto tempo è richiesto per il posizionamento di un impianto?
Generalmente, la procedura viene effettuata in due fasi. Il dentista inizia installando l'impianto, che è stato lasciato da tre a sei mesi a guarire e integrarsi con l'osso mascellare. Durante il periodo di guarigione, al paziente viene installata una protesi provvisoria fino a quando non viene posizionata la corona permanente. Oggi, esiste un'alternativa al metodo a due fasi che consente di avere l'impianto installato in un singolo pezzo in una sola seduta. Questo nuovo metodo ha semplificato molto la procedura sia per i pazienti che per i dentisti. La scelta della procedura dipende da diversi fattori, quali le condizioni dei denti del paziente, il numero di denti coinvolti e il tipo di denti da sostituire. Questi fattori determineranno anche il numero totale di visite dal dentista per tutto il periodo di trattamento.

Come curerò i miei impianti?
I denti nuovi devono essere curati e controllati regolarmente, proprio come i denti naturali. Utilizzate spazzolino e filo interdentale come raccomandato dal vostro dentista o igienista. Recatevi dal vostro dentista ogni sei mesi o, se necessario, anche più frequentemente.


Menu di sezione:


Torna ai contenuti | Torna al menu